MUCHO MAS! è un Artist-run space a Torino, fondato da Luca Vianello e Silvia Mangosio. Mucho Mas! espone artisti italiani e internazionali focalizzati nella ricerca sulla trasformazione dell'immagine contemporanea.



LINKS:

Contact
Instagram
Facebook
Support us!


PAST EXHIBITIONS:

_AETERNA
by Lorena Florio, Katrina Stamatopoulos
07/03/2024 - 21/04/2024

_FLOWER-LIFE
by Nobuyoshi Araki
22/08/2023 - 20/02/2024

 _NEW GENERATIONS
Mostra collettiva: Giorgio Andreoni, Claudia Catanzaro, Flaminia Cicerchia, Brenno Franceschi, 
Alessandro Manfrin, Deborah Martino, Gabriele Provenzano.
13/10/2023 - 08/10/2023

_NSENENE
Michele Sibiloni
19/05/2023 - 30/07/2023

_MEDIUM. MEDITATION. MODULARITÄT.
Alexander Binder
23/03/2023 - 24/04/2023

_EXPLORING THE LIVING STUDOIO
Eva Kreuger
16/06/2022 - 17/09/2022

_SOGLIE
by Alice Faloretti
Curata da Elena Bray
16/06/2022 - 17/09/2022

_HOW TO RAISE A HAND
Angelo Vignali
31/03/2022 - 31/05/2022

_DIACHRONICLES
Giulia Parlato
14/01/2022 - 27/02/2022

_SPACE IN MIRROR IS CLOSER THAN IT APPEARS
Stefano Comensoli_Nicolò Colciago
02/11/2021 - 18/12/2021

_EPICENTRO (PSALM)
Massimiliano Tommaso Rezza
20/05/2021 - 18/09/2021

_BRODO
Stefano Comensoli_Nicolò Colciago, Luca Baioni, Achille Filipponi, Stefano Maccarelli, Silvia Mangosio, Caterina Morigi, Luca Vianello
21/09/2020 - 21/11/2020

_TANT DE LOINTAINS BLEUTÉS
Stéphanie Majoral
13/02/2020 - 30/07/2020

_HONESTY OF MATTER / Sincerità della Materia
Caterina Morigi
25/10/2019 - 22/01/2020

_TENTATIVI DI TRASCRIZIONE
Achille Filipponi
at Salon du Salon
24/10/2019 - 24/12/2019

_LOST ANGELES
Richard Newton
19/09/2019 - 20/10/2019

_DALLE SOGLIE DEL SONNO ALLE PRIME LUCI DIURNE
Luca Baioni & Jonny Briggs
19/06/2019 - 28/07/2019

_MESSAGES FROM DARKROOM
Alexander Gehring
05/04/2019 - 10/05/2019

_FEROX - The Forgotten Archives
Nicolas Polli
24/01/2019 - 03/03/2019

_DECOR
Thomas Kuijper
30/10/2018 - 30/11/2018

_ANCHE QUESTE FIDATE COSE TI SARANNO IN ETERNO IGNOTE
Achille Filipponi
19/09/2018 - 19/10/2018

_CAMILLE LÈVÊQUE
Camille Lévêque
03/05/2018 - 31/06/2018

_XIII
Enrico Carpegna, Pablo Balbontin, Valerio Manghi Cleo Fariselli, Handegg.
13/03/2018 - 24/04/2018

_DEMONS
Luca Baioni
09/02/2018 - 25/02/2018


SPOT EXHIBITION


_ALFPC
Luca Baioni
30/09/2021

_Incanto e paranoia (tra due istanti)
Di Stefano Comensoli_Nicolò Colciago, in collaborazione con Annika Pettini.
Sonorizzazione di Alessia Li Causi
19/02/2021 - 21/02/2021

_NEI BOSCHI PIU' ALTI
Stefano Maccarelli
02/10/2020 - 02/10/2020

_COMPITI PER CASA
Guerrila spam & Pomodori Flash
08/03/2019 - 10/02/2019

Camille Lévêque
Solo Exhibition

03/05/2018 - 31/06/2018

Camille Lévêque, come molti artisti, ha un rapporto conflittuale con la realtà: la sua ricerca sull'archivio fotografico familiare è collocata lungo il limite tra il desiderio di incarnazione e la pura astrazione. Il suo girovagare tra i ricordi altrui è un modo di lavorare in grado di comunicare contemporaneamente un rifiuto e una giustificazione del passato. Possiamo avere diverse chiavi di lettura del suo lavoro: il bisogno di cancellare il passato, offuscare le acque, perdere le tracce del proprio passato per essere liberi, e al contempo la necessità di riconoscere la verità della realtà, nonostante i nostri desideri. Il passato continua a ripresentarsi, e dobbiamo ammetterlo e amarlo per non esserne divorati.
Possiamo estrapolare molte storie dalle immagini di "Familiar Gestures", sintesi di un significato più ampio. Leggendo queste immagini, percepiamo estratti di momenti ordinari e importanti. L'obiettivo di "Familiar Gestures" è consentire un'interpretazione libera dei gesti che tutti facciamo di solito, esplorando l'intimità del linguaggio del corpo. Osservando più da vicino queste immagini, vari elementi catturano l'attenzione. Lavorando in diittici che si riflettono l'uno sull'altro, evidenzia parti delle immagini che hanno un forte fascino visivo e numerose connotazioni. Come vestigi visivi, elementi trascurati e sottovalutati dell'immagine vengono ora portati alla luce e dotati di un nuovo scopo. Non fanno più parte di un'immagine più grande, diventano l'immagine stessa. Fuori dal contesto, questi momenti congelati vengono trascendenti invece di diventare contaminati. Un piccolo frammento di immagine risuona con maggiore forza e risveglia memorie sepolte. Illustrando le sue ossessioni visive, questi primi piani sono la rinascita di fotografie trascurate.
I collage di "Universal Truth" rappresentano il punto culminante di questa ricerca per l'unità, con gli altri e con noi stessi. Queste foto assemblate insieme raccolgono famiglie che non si sono mai incontrate, provenienti da epoche e continenti diversi. Questo puzzle di memoria in qualche modo caotico rivela forti somiglianze nelle vite di queste persone, e sotto l'aspetto grezzo dell'assemblaggio, appare la delicata storia di un legame universale.
L'ultima opera esposta in questa mostra personale consiste in una serie di fogli trasparenti, dove uomini di mezza età si sovrappongono gli uni agli altri.
"Nella ricerca del padre", prima parte di una ricerca in tre capitoli, ci costringe a fare una pausa da questo eccesso di immagini, ponendo una domanda: cosa significa la figura del padre per noi?
La ricerca di Camille sfida la realtà e il mezzo fotografico stesso. Ci pone di fronte a profonde indagini su di noi, sul nostro rapporto con gli altri; mettendo in discussione se il valore della fotografia sia una prova di realtà e se il concetto di autorialità sia ancora centrale nella fotografia contemporanea.


Camille Lévêque, as many artists, has a conflictual relationship with reality: her research on family photographic archive is placed along the limit between desire of incarnation and pure abstraction. Her wandering through other's memories is a way of work able to communicate, at the same time, a denial and an apology of the past. We could have different keys to read her work: the need of erase the past, muddy the waters, lose track of her own past in order to be free, and at the same time the necessity to acknowledge the truth of reality, despite our desires. Past continues to recurs, and we have to admit it and love it not to be eaten by it.
We can extrapolate many stories from Familiar Gestures' images, summary of a bigger significance. While reading these images, we perceive excerpts of ordinary and important moments . Familiar gestures' aim is to allow a free interpretation of the gestures we all usually make, exploring the intimity of body language. Looking at these images more closely, various elements catch the eye.Working in diptychs bouncing off one another, she highlights parts of the images that have a strong visual appeal and numerous connotations. Like visual vestiges, neglected, underrated elements of the picture are now brought to light and given a new purpose. They are no longer a part of a bigger image, they become the image itself. Out of context, these frozen moments are transcended instead of becoming tainted. A tiny fragment of image resonates with greater strength and wakes up buried memories. Illustrating her visual obsessions, these close-ups are the rebirth of overlooked photographs.
Universal Truth's collages are the highest point of this research for unity, with others and with ourselves. These photos assembled together gather families that never met, coming from different eras and continents. This somewhat chaotic memory puzzle reveals strong similarities in these people’s lives, and underneath the rough aspect of the assembly, appears the soft story of a universal bond.
Last work displayed in this solo exhibition consists in a series of transparent papers, where midage men overlays one on the other.
In search of the father, first part of a three chapters research, it force us to take a break from this excess of images, asking a question: what does the figure of the father means for us?
Camille's research challenges reality and photographic medium itself. It puts us in front of deep inquiries about us, our relation with others; questioning if the value of photography is a proof of reality and if the concept of autorship is still central in contemporary photography.
__

Camille Lévêque (1985) is a freelance photographer born and raised in Paris, France.
She graduated from university in Paris with a degree in Fine Arts and Literature. From 2007 to 2008 she lived in Armenia, where she was commissioned by the French Embassy and the UNHCR to assemble a year-long reportage on post Karabagh war refugees situation in Armenia. In 2010 she started working as an Editorial Assistant for MAGNUM PHOTOS in Paris, to eventually move back to the US in 2011 in order to focus on personal projects.
Raised in a family of multicultural background, origins are the predominant topic of her work research and her practice illustrates this encounter between various influences and the way past influences the present, and shapes the future. Her works have been featured on various publications, online and in print, and have been exhibited in the US and in Europe. Camille shoots in film and digital, she is based in Detroit but available for commissions and assignments worldwide. She is founder and member of LIVE WILD collective and the co-founder of publishing house ORPHEUS STANDING ALONE

©Mucho Mas all rights reserved